Di cosa sa il temporale di fine estate

Posted by

A Como in lontananza, riflessi sul pelo dell’acqua, si vedono i lampi e le schegge dei fulmini che per una volta, oltre i rilievi che incombono sul lago, sembrano cadere sul suolo elvetico. La mente così corre quando da piccolo a Rieti i primi temporali, che venivano dagli appennini, annunciavano la fine dell’estate e costringevano ad uscire la sera con un maglioncino di cotone sopra la maglietta. Più aumentava l’escursione termica, tra il giorno e la notte, più si avvicinava il rientro a Roma e l’idea di tornare tra i banchi di scuola. Ecco di cosa sanno i temporali estivi: profumano di carta nuova, quell’odore, bianco latte, del quaderno appena sfogliato per la prima volta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...